Alchèrmes home-made

Questa è una ricetta che mi sta particolarmente a cuore…il motivo è che io amo questo liquore! Trovo che sia unico nel suo genere per preparare i dolci; il suo aroma e il suo profumo sono davvero inconfondibili.
Quando dico questo mi saltano agli occhi i meravigliosi colori della zuppa inglese…il profumo della pizza di pasqua…il sapore delle pesche…ma…come in tutte le belle favole c’è un cattivo da combattere…il colorante e l’utilizzo della cocciniglia di cui questo liquore è pieno.
Era molto tempo che avevo rinunciato ad usarlo, poi ho deciso di provare a farlo da me e il risultato è stato entusiasmante, così in onore della cucina sana e in difesa di tutte le cocciniglie del mondo vi presento il mio alchèrmes…


Alchèrmes home-made


Ingredienti:


1 litro di alcool a 95°;
700 gr di zucchero;
1 stecca di vaniglia;
30 gr di cannella;
20 gr di coriandolo;
4 chiodi di garofano;
20 gr di cardamomo;
10 gr di semi di anice;
4 gr di Karkadè (il contenuto di 2 bustine);
200 ml di acqua di rose (io non l’ho usata e ho messo semplicemente acqua bollita);
700 ml di acqua minerale + 2 bicchieri.

Procedimento


Pestare in un mortaio vaniglia, cannella, coriandolo, cardamomo, chiodi di garofano e anice. Per chi non ha un mortaio…(come me) tritare nel mixer le spezie e metterle in un vaso di vetro a chiusura ermetica e aggiungere l’alcool + 2 bicchieri di acqua minerale.
Chiudere e mescolare almeno 2 volte al giorno per tre settimane.
Preparare uno sciroppo sciogliendo lo zucchero in 700 ml di acqua bollente e poi, una volta raffreddato, aggiungerlo all’alcool.
Mescolare bene, far riposare un altro paio di giorni.
Filtrare bene e aggiungere l’acqua di rose.

Simona Stentella

Sono uno storico dell’arte, ma lavoro all’accettazione dell’ospedale di Acquapendente, un paese sul confine tra Lazio, Umbria e Toscana. Amo la tranquillità, le cose semplici e amo seguire le mie passioni, che sono la cucina, la fotografia, l’arte.

5 Comments

  1. 28 aprile 2013 / 9:00

    meraviglia fatto homemade, io lo uso poco perchè industriale è pieno di coloranti.
    Salvo la ricetta
    Passa da me c'è un pensierino per te 😉

  2. 17 dicembre 2013 / 21:46

    Ecco la ricetta del tuo magnifico dono!! Grazie del regalo e di avermi fatto conoscere questa specialità! 🙂

    • 18 dicembre 2013 / 4:43

      Felice ti sia piaciuto il regalino Paola! Mi dispiace solo non sia riuscita a farlo colorare bene come quello industriale, ma il sapore è identico, forse anche migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *