Gnocchi di patate al ragù

gnocchi1

Post velocissimo che questa settimana siamo stati tutti colpiti
dalla terribile influenza di quest’anno.
Gli gnocchi erano pronti, solo da pubblicare…in questi giorni solo gelati e tè…
non riusciamo proprio a mangiare altro!
Allora chiudo subito che anche stare al computer dopo un po’ mi stanca gli occhi,
ma non prima di dire due parole sul piatto.

La ricetta è di Csaba dalla Zorza, in casa mia l’uovo non ce l’avevamo mai messo.
Beh l’abbiamo provata e la consistenza di questi gnocchi ci è piaciuta moltissimo.
Anche a mia mamma questa versione è piaciuta da matti,
tanto da chiedermi come li avevo fatti!

Per il ragù in realtà avevo delle polpette al pomodoro, le ho schiacciate e le ho messe in padella con un filo d’olio, un po’ di pancetta che nel frattempo avevo messo a rosolare.
Ho unito un barattolo di polpa di pomodoro e un pochino di sale e l’ho fatto restringere.

gnocchi2

Gnocchi di patate al ragù
dosi per 4 persone

Ingredienti
-per gli gnocchi-
500 gr di patate (vecchie mi raccomando)
200 gr di farina ca
1 uovo
1 cucchiaino di sale

-per il sugo-
3 polpette
1 barattolo di polpa di pomodoro da 450 gr
75 gr di pancetta
olio
sale

gnocchi3

Procedimento
-per gli gnocchi-
Far bollire le patate per una mezzora, sbucciarle e schiacciarle.
Aggiungere l’uovo appena le patate abbiano perso parte del loro calore
e unire sale e farina.
Non è detto che i 200 gr di farina siano esatti,
potrebbe essere necessario aggiungerne un po’.
La cosa importante è che siano patate farinose, altrimenti la farina che verrà assorbita sarà enormemente maggiore con il rischio di trovarsi degli gnocchi troppo duri.
Mescolare il tutto fino ad ottenere un composto sodo, ma non duro.
Creare dei lunghi salsicciotti e tagliarli per formare gli gnocchi.
Mettere gli gnocchi su teglie ben infarinate e a questo punto potete cuocerli o congelarli.
Quando saranno congelati potranno essere divisi in sacchetti pronti all’uso.

-per il sugo-
Sbriciolare le polpette e metterle in un padellino con un filo di olio e.v.o..
Nel frattempo far rosolare un po’ di pancetta e unirla alle polpette.
Aggiungere il barattolo di polpa di pomodoro e un po’ di sale.
Fare restringere.

A questo punto far bollire acqua salata e mettere a cuocere gli gnocchi.
Ci metteranno pochissimo tempo e mano a mano che vengono a galla vanno pescati con una schiumarola e vanno messi nel recipiente di portata all’interno del quale verrà messo anche il condimento.

Attendere qualche minuto prima di servire.

gnocchi4

Simona Stentella

Sono uno storico dell’arte, ma lavoro all’accettazione dell’ospedale di Acquapendente, un paese sul confine tra Lazio, Umbria e Toscana. Amo la tranquillità, le cose semplici e amo seguire le mie passioni, che sono la cucina, la fotografia, l’arte.

Find me on: Web

6 Comments

  1. 20 Febbraio 2015 / 20:32

    che buoni…mi ricordano tanto le domeniche quando li faceva la mia mamma, ero così giovane… 😉
    Buon fine settimana cara e complimenti!

    • lacasadelconigliobianco
      Autore
      27 Febbraio 2015 / 11:39

      Grazie Simo!!!

  2. 1 Marzo 2015 / 18:46

    Ciao cara, come stai?
    Sai che l’unica volta che ho tentato l’impresa degli gnocchi è stato un disastro!!!
    Mi sa che ci riprovo seguendo la tua ricetta: sembrano deliziosi!
    Un bacio grande

    • lacasadelconigliobianco
      Autore
      3 Marzo 2015 / 16:11

      Grazie Raffaella! Io adoro gli gnocchi, ma davvero, molto dipende dal tipo di patate che scegli!
      Ti mando un grosso bacione.

  3. 5 Marzo 2015 / 19:25

    Buonasera signora Stentella volevo dirle che visto gli acciacchi sto provvendendo a prenotarle un ospizio, ma di quelli buoni tante belle minestrine! Contenta! ahahahaha 😛 Simo sono uno spettacolo!!!! Stasera ho cenato solo con gelato perchè oggi ho mangiato troppo a pranzo 😛

    • lacasadelconigliobianco
      Autore
      13 Marzo 2015 / 8:57

      Grazie signora Leveratto…avrei piacere una doppia con lei. Ahahahahhahahahha così magari riusciamo ad organizzare il contest!!! ahahahahhaha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *