Rotoli di piadine e…premio “los mejores blogs”

Ovviamente per fare questi rotoli di piadine, fondamentale è partire dalle Piadine!!!! Io ho preso la ricetta delle piadine all’olio di oliva dello chef Antony del blog Ricettedi.it e devo dire che ci sono piaciute tantissimo!!!

Piadine all’olio extra-vergine di oliva

Ingredienti:

400 gr di farina;
1 bicchiere colmo per 2/3 di acqua e per 1/3 di latte tiepidi;
un dito di olio e.v.o. nel solito bicchiere;
1 cucchiaino di sale bello colmo.

Procedimento:
Mettere la farina in una ciotola, aggiungere il sale e il bicchiere con acqua e latte. Impastare fino a che i liquidi si sono ben amalgamati alla farina e a questo punto aggiungere l’olio. Impastare per una decina di minuti. Io ho dovuto aggiungere un bel po’ di farina alla quantità indicata da chef Antony per far diventare l’impasto consistente al punto da formare una palla e metterla per mezz’ora coperta con la pellicola in una ciotola. (C’è da tenere conto infatti che le indicazioni fatte con i bicchieri possono essere vagamente fuorvianti!!!).
Passata la mezz’ora si riprende l’impasto e si divide in palline del peso con cui vogliamo fare le piadine, si stendono e spianano sottilissime e si mettono a cuocere in una padella molto calda.
Appena la piadina inizia a gonfiarsi va girata per non farla bruciare. E il risultato è strepitoso!!!
Sono davvero veloci e facilissime…perché comprarle quando si preparano in un lampo????


Rotoli di piadine

 Ho semplicemente scaldato le piadine e le ho riempite con formaggio spalmabile, bresaola e rucola per un tipo. Formaggio spalmabile, rucola e salmone al naturale in scatola, con una spruzzata di limone per l’altro tipo. Poi le ho arrotolate, tagliate e fermate con uno stecchino!

____________________________________
Vorrei fare un sentito ringraziamento alla bravissima Chiara del blog Chiara in fimoland per avermi assegnato un bellissimo premio! Ne sono molto felice, soprattutto perché Chiara ha un blog davvero bello e le mani d’oro! Grazie Chiara!

 

Simona Stentella

Sono uno storico dell’arte, ma lavoro all’accettazione dell’ospedale di Acquapendente, un paese sul confine tra Lazio, Umbria e Toscana. Amo la tranquillità, le cose semplici e amo seguire le mie passioni, che sono la cucina, la fotografia, l’arte.

Find me on: Web

16 Comments

  1. 7 Giu 2013 / 5:34

    Congratulazioni per il tuo premio queste piadine sono deliziose

  2. 7 Giu 2013 / 5:46

    Buone le Piadine, bravissima. Mi ricordano la mia nonna acquisita Paolina che me le preparava sempre. Io annoto tutto che Agosto si avvicina e con lui il compleanno di mia figlia!

    • 7 Giu 2013 / 19:28

      Io mano a mano pubblico tutto il buffet! 🙂 Spero ti possa servire! Ah…queste piadine le puoi preparare anche qualche giorno prima e conservarle in frigo coperte da una pellicola! Poi le puoi riempire quel giorno.

  3. 7 Giu 2013 / 6:03

    Grazie a te per avermi menzionata e sono contenta che il premio ti sia piaciuto!

    • 7 Giu 2013 / 19:34

      Infatti quelle avanzate sono state cucinate con prosciutto, formaggio e divorateil giorno successivo!!!!!!

  4. 7 Giu 2013 / 8:05

    questa ricetta della piadina proprio non la conoscevo, io la preparo in modo diverso ma mi hai incuriosito quindi la proverò!
    un abbraccio
    Linda

  5. 7 Giu 2013 / 8:31

    se è così semplice come lo scrivi quasi quasi ci provo a farle! Tra l'altro… le tue rotelle con la sfoglia sono state un successo l'altro giorno!

    • 7 Giu 2013 / 19:45

      Fidati! Davvero è più a dirsi che a farsi…l'unica difficoltà che ho incontrato io è stata farle belle precise, perchè ero un pochino di fretta quindi le prime sono venute bellissime, le ultime un pò 'stortignaccole', ma va bene lo stesso!!! 🙂 Non puoi capire quanto mi fa piacere sapere che vi sono piaciute le girelle di sfoglia! Grazie per avermelo detto!ti mando un bacione.

  6. 7 Giu 2013 / 12:13

    Un'idea molto appetitosa e invitantissima!!!! Complimenti, un bacio e felice serata

  7. 7 Giu 2013 / 12:35

    Abbiamo in mente di preparare delle piadine proprio per stasera, terremmo sicuramente a mente la tua farcitura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *