Trofie ai filetti di merluzzo

Oggi sono a casa, la Chicca dorme beatamente, e ho già sbrigato un sacco di faccende che mi preoccupavano non poco….certo….mica ho  finito, ma sono davvero a buon punto, e questo, per ora, è più che soddisfacente!
Allo stato attuale il lavoro più impellente è stato riordinare la stanza di mia figlia….è vero che per ora non ci dorme, ma questa settimana a forza di accumulare i panni puliti in attesa della stiratura (che viene costantemente rimandata…) ho completamente sepolto il suo futuro letto!!!
Poi, ieri sera, ci sono entrata per un attimo e il disastro creato mi ha investito….avete presente il programma di Real time “sepolti in casa“?…beh una versione pulita, visto che i panni erano freschi di lavatrice, e in versione soft, visto che ad essere sepolto era solo il letto….ma sufficientemente terrorizzante da farmi correre subito ai ripari…che poi tra l’altro io di natura  sono piuttosto ordinata, mica maniacale, ma se le mie cose sono in ordine…mi ci sento anche io!
Comunque anche questa è fatta e ho anche finito di preparare il sugo per la pasta del pranzo….appena in tempo, perché la Chicchetta si è appena svegliata!!!

Trofie ai filetti di merluzzo
per 4 persone

Ingredienti:

500 gr di trofie;
un barattolo di pomodori pelati;
200 gr di filetti di merluzzo, anche congelati;
5 cucchiai di olio e.v.o.;
3 cucchiai di vino bianco;
1 spicchio di aglio;
sale;
pepe;
un po’ di farina;
prezzemolo;
1 scatoletta di panna da cucina (facoltativa).

Procedimento:

Mettere in una padella l’olio e far soffriggere l’aglio. Aggiungere poi i pomodori pelati e far cuocere per un po’.
Prendere, nel frattempo, i filetti di merluzzo e passarli nella farina ancora interi  (se congelati ancora congelati) e metterli nella padella, quindi salare, pepare e coprire con un coperchio. A questo punto far andare per una decina di minuti a fuoco moderato.
Aggiungere 4 cucchiai di vino bianco, spezzettare con il mestolo i filetti e scoprire fino al restringimento del sugo. Spolverare con il prezzemolo.
Se si è deciso di aggiungere la panna si aggiunge e negli ultimi minuti di cottura un mestolo di acqua di cottura della pasta.
Non resta altro da fare che condire la pasta….e mangiare!!!

N.B.  La panna copre un po’ il sapore del pesce, e questo sugo è molto buono anche senza, ma oggi avevo voglia di un po’ di morbidezza….inoltre, se si desidera un gusto un pochino più deciso – il merluzzo, si sa, non ha un gusto particolarmente spiccato- si può aggiungere al sugo una scatoletta di tonno sott’olio sgocciolata.

Simona Stentella

Sono uno storico dell’arte, ma lavoro all’accettazione dell’ospedale di Acquapendente, un paese sul confine tra Lazio, Umbria e Toscana. Amo la tranquillità, le cose semplici e amo seguire le mie passioni, che sono la cucina, la fotografia, l’arte.

8 Comments

  1. 20 aprile 2013 / 15:35

    buonissimo piatto io lo preparo senza la panna ma la prossima volta provo ad usarla!!!!grazie e buon fine settimana…

  2. 20 aprile 2013 / 19:32

    Normalmente neanche io ce la metto…oggi ho provato e ci è piaciuta , è stato un esperimento, tanto per variare un po' la solita ricetta. Un abbraccio.

  3. 21 aprile 2013 / 9:27

    Ciao Simona,complimenti per la ricetta,vado matta per i menù a base di pesce. Questa settimana la farò è ideale per variare. Mi piace e condivido totalmente il concetto di ordine in casa,purtroppo i miei tre uomini hanno le orecchie foderate di prosciutto… quindi non ascoltano
    Ciao e buona settimana
    Nadia

    • 21 aprile 2013 / 14:28

      Grazie Nadia…se fai la versione senza pannna, ti consiglio di usare i vermicelli che ci stanno benissimo! Buona serata e a prestissimo! Smack smack.

    • 21 aprile 2013 / 14:33

      Ciao Linda..se la prepari con la panna aggiungi anche una scatoletta di tonno sott'olio al pesce…( sarà più saporita) e una bella spolverata di prezzemolo sul piatto! Un bacione e buona serata!

    • 21 aprile 2013 / 14:35

      Grazie Valentina, piacere di conoscerti…vengo volentieri a vedere il tuo blog…anzi, lo faccio subito! Arrivoooooooo! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *