Burro di mele senza zuccheri aggiunti

Non vedevo l’ora di poter pubblicare questo post, che arriva dopo un periodo abbastanza intenso. Non voglio annoiare nessuno quindi dirò semplicemente che, per vari motivi, mi sono trovata a dover cucinare in modo particolare per un periodo di tempo. Un’alimentazione priva di glutine, zuccheri e latticini che ha come obiettivo sfiammare l’intestino e ripristinare un corretto equilibrio della flora intestinale.
Ovviamente questa situazione è stata a metà strada tra una vera e propria sfida alternata però a momenti di sconforto con relative crisi che non mi hanno permesso di scrivere più nulla.
Ma ora sono felice di poter riprendere in mano questo mio spazio virtuale aggiungendo nuove ricette e nuove sezioni sperando anche di aiutare chi deve seguire questo tipo di alimentazione.
Ed è stata proprio la richiesta di una persona, che sta affrontando lo stesso tipo di alimentazione per un suo familiare, che mi ha spinta a pensare di creare una sezione apposita che si aggiungerà alla pagina delle intolleranze.
Spero di essere di aiuto a qualcuno cercando di facilitare questo percorso e dare qualche idea nuova.
Iniziamo con il Burro di mele che servirà da base per tante preparazioni dolci, ma completamente prive di zuccheri aggiunti che pubblicherò a breve!

Burro di mele
(dose per circa 200 g)

Ingredienti
5 mele biologiche
30 ml di acqua
(cannella facoltativa)

Procedimento

  1. Lavate, sbucciate e tagliate a piccoli cubetti le mele.
  2. Mettetele in un tegame e versate l’acqua.
  3. Fate cuocere le mele a fuoco medio inizialmente con coperchio, poi abbassate la fiamma e mescolate ogni tanto per non far attaccare le mele.
  4. Quando le mele si saranno ridotte in purea e avranno assunto un bel colorito ambrato spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.
  5. Se di vostro gradimento potete anche aggiungere un pizzico di cannella.

Le mele così ridotte in purea e caramellate costituiscono un ottimo dolcificante da sostituire allo zucchero per i vostri dolci.
La purea può essere utilizzata anche come salsa da spalmare su pane, pancakes o formaggi.

Simona Stentella
Simona Stentella

Sono uno storico dell’arte, ma lavoro all’accettazione dell’ospedale di Acquapendente, un paese sul confine tra Lazio, Umbria e Toscana. Amo la tranquillità, le cose semplici e amo seguire le mie passioni, che sono la cucina, la fotografia, l’arte.

Find me on: Web

7 Comments

  1. Tiziana
    24 Aprile 2019 / 19:59

    Eccomi qui!
    Purtroppo anch’io sto seguendo una particolare alimentazione…. Quindi ti seguirò con molto piacere e sincero affetto.
    Bacione

    • 24 Aprile 2019 / 20:57

      Ciao cara…spero di riuscire a pubblicare di nuovo con una certa frequenza. Ho avuto mesi davvero tanto pesanti e se non sono serena non riesco a dedicarmi a questo spazio. Grazie mille di essere passata… Per me sei sempre una persona speciale anche se non ci sentiamo frequentemente come una volta. 🤗🤗🤗

  2. 25 Maggio 2019 / 9:57

    Il burro di mele .. quanto ne ho sentito parlare e quanto non credevo fosse cosi buono come dicono, e invece devo ricredermi, non e buono e fantastico!!!

  3. barbara
    24 Agosto 2019 / 7:42

    Ciao, il burro di mele per quanti giorni si puó conservare? Io posso farne in quantitá ed eventualmente metterlo in frigo? Grazie

    • 25 Agosto 2019 / 5:32

      Il burro di mele si conserva nel frigo per diversi giorni, in qualche sito ho trovato scritto anche fino a due mesi. Io però sono sempre un po’ contraria a tenere per tanto tempo le cose in frigo, non mi fido tanto e ho sempre paura. Secondo me è meglio farlo fresco al momento o conservarlo per una quindicina di giorni poi rinnovarlo oppure dividerlo e congelarlo.

      • barbara
        27 Agosto 2019 / 16:59

        Grazie. Comunque oggi lo cucino e domani preparò un dolce. Ti farò sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *